Il Giappone, con la sua affascinante cultura, incarna quel mondo sconosciuto e ancora poco esplorato dell’Oriente. Il cuore pulsante del paese é sicuramente Tokyo, ma la vera anima risiede a Kyoto. Per questo motivo, dunque, abbiamo voluto concentrare il nostro viaggio nell’esplorazione di questa città e dell’area intorno.

Qui di seguito vi presenterò quali luoghi visitare a Kyoto!

Cominciamo il viaggio con una delle più suggestive località di questa metropoli: il complesso del tempio buddista Kiyomizu-dera o “Santuario dell’acqua limpida”. Quest’ultimo é considerato anch’esso sacro in quanto, secondo la leggenda, la dea della misericordia, Kannon, indicò questo posto ad un monaco.

Sul territorio persistono altri numerosi monumenti architettonici classificati come “tesori nazionali” e le cascate. Si dice che l’acqua, qui, abbia proprietà curative e che, dopo aver bevuto da tre diverse fonti, si può guadagnare salute, longevità e successo accademico. Per di più, sono spazi adatti ad ammirare i meravigliosi aceri rossi, tipici del territorio, ed ovviamente anche il tramonto.

Il Tempio della Dea del Riso e della Fertilità (Fushimi Inari-taisha) è un altro monumento celebre di Kyoto. Questo luogo sacro é situato sulle pendici di una montagna, dalla quale si può godere di una vista indimenticabile. Sul territorio del santuario si trova il famoso tunnel dei Mille Torii fatto di torii rossi (porte a forma di U senza alette). Questo è un sito molto famoso, meta di numerosi turisti e fotografi. Se non si ama la folla é consigliabile, dunque, raggiungerlo la mattina presto.

Naturalmente, abbiamo visitato anche il quartiere Gion, ovvero il quartiere delle Geishe. Questa è la zona più famosa, nella quale vivono e lavorano, appunto, le geishe ed in cui persiste ancora uno spirito Medioevale. Qui tutto presenta tratti legati alle antiche tradizioni: l’architettura dalle case da tè e ristoranti; le strade acciottolate e gli abiti luminosi delle maiko (apprendiste delle geishe). Nonostante una comprensibile diminuzione del numero di queste talentuose donne negli ultimi cento anni, Gion è ancora molto celebre grazie a loro. Inoltre, parte dell’area, è stata dichiarata “Distretto Storico Nazionale” ed é considerata un territorio da proteggere.

Spostandosi ora fuori dal centro città, troviamo la famosa Foresta di bambù di Arashiyama. Quest’ultima, é un pittoresco boschetto di bambù risalente al XIV secolo, dove son presenti migliaia di alberi sempreverdi. Le particolarità di questa foresta sono i suoi suoni inimitabili, prodotti dai fusti degli alberi a contatto con il vento. È davvero una piacevole sensazione abbandonarsi a questa leggera melodia lungo gli stretti sentieri!

Ovviamente, finita la meravigliosa esperienza nella foresta di bambù, bisogna assolutamente visitare Arashiyama. Questa, é un’area situata ai piedi del monte Arashi (dalla quale prende il nome), molto gettonata tra i turisti e la gente del popolo, i quali si recano sul luogo, specialmente durante la stagione della fioritura dei ciliegi e in autunno, durante Momiji-gari. Ancora più emozionante é osservare questa straordinaria natura dalle tradizionali barche che solcano le acque del fiume Hozu.

Se ti trovi nelle vicinanze di Kyoto, non perderti assolutamente la città di Nara!

Un tempo, era abitudine pensare che nel Grande Buddha, nella natura e nei cervi risiedesse la personificazione dell’antica città di Nara. Difatti, é proprio qui che si trova il più grande tempio buddista del Giappone, il Tempio Todaiji (o grande tempio d’Oriente), il quale é classificato come patrimonio mondiale ed é protetto dall’UNESCO. Questo tempio é la più grande struttura in legno del mondo, all’interno della quale si trova una gigantesca statua in bronzo del Buddha Vairochana. L’area di questo monumento include anche un parco di cervi addomesticati, volpi, procioni e altre specie di animali.

Potrà sembrare strano il fatto che i cervi siano addomesticati, eppure, siccome questi animali sono considerati messaggeri divini shintoisti, sono stati attentamente custoditi a Nara per secoli e secoli, dunque, col passare del tempo, son diventati sempre più obbedienti. Qui si può non solo osservare i cervi che camminano liberamente, ma anche acquistare biscotti speciali e nutrire gli animali con le proprie mani!

Spostandoci ora nei pressi di Osaka, un posto imperdibile é sicuramente il ponte panoramico del futuristico Umeda Sky Building. L’Umeda Sky Building ha 40 piani e presenta una forma particolare. Difatti, questo é un composto di due torri collegate in alto dallo Sky Garden. Questo elevato punto, che si trova proprio in cima alla costruzione, offre viste mozzafiato sia della città sia dei suoi dintorni.

Sebbene questa piccola guida sia concentrata solo sulla parte più accogliente e intima della metropoli, Kyoto é piena di meravigliosi luoghi e monumenti tutti da visitare!